Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 16 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

previdenza forense | 18 Dicembre 2017

Il “tentativo” dell’avvocato: è possibile compensare il riscatto degli anni di laurea con i contribuiti già versati all’INPS?

Se non esiste il diritto ad ottenere la restituzione dei contributi eccedenti non può esistere neanche un diritto che consenta di disporre, comunque, delle somme corrispondenti a tale contribuzione eccedente.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 30234/17; depositata il 15 dicembre)

Così la Cassazione con sentenza n. 30234/17, depositata il 15 dicembre. Il fatto. La Corte d’Appello di Salerno respingeva l’appello avverso la decisione di primo grado che aveva rigettato la domanda di un avvocato volta ad ottenere...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.