Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 17 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

licenziamento | 01 Dicembre 2017

Il dipendente pubblico può fare il lavoratore a chiamata fuori dall’orario di lavoro?

di Giuseppe Marino - Avvocato e Dottore di ricerca in Giustizia costituzionale

L’instaurazione di un rapporto di lavoro intermittente è senz’altro riconducibile all’assunzione di impiego alle dipendenze di terzi, vietata ai dipendenti pubblici, e non può assumere alcun rilievo che le prestazioni, rese a titolo oneroso, non siano state di fatto retribuite per l’inadempimento del datore.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 28797/17; depositata il 30 novembre)

Lo ha chiarito la Corte di Cassazione, Sez. Lav., con la sentenza n. 28797/17, depositata il 30 novembre. Il caso. La pronuncia in commento trae origine dal giudizio promosso dal dipendente licenziato dalla Croce Rossa, al fine di ottenere la declaratoria...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.