Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 22 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

inadempimento | 09 Novembre 2017

La risoluzione per reciproci inadempimenti… il giudice “taglia la testa al toro”

di Martina Tonetti - Avvocato

Il giudice adito con contrapposte domande di risoluzione per inadempimento del medesimo contratto può accogliere l’una e rigettare l’altra, ma non può respingere entrambe dichiarando la risoluzione consensuale del rapporto, implicando ciò una violazione del principio di corrispondenza tra chiesto e pronunciato: la controversia, infatti, verrebbe decisa mediante una regolamentazione del rapporto diversa da quella perseguita dalle parti.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 26475/17; depositata l’8 novembre)

Così ha deciso la Corte di Cassazione con la sentenza n. 26475/2017, depositata l’8 novembre 2017. Quando agente e committente risolvono il contratto per reciproco inadempimento… Avvalendosi della clausola di risoluzione espressa...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.