Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 21 agosto 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

licenziamento | 16 Giugno 2017

Giusto il licenziamento se anziché lavorare si naviga in rete

di Mario Scofferi - Giglio & Scofferi Studio Legale del Lavoro

L’utilizzo non sporadico ed occasionale ma, al contrario, sistematico e ripetuto, degli strumenti aziendali per accedere alla rete internet per ragioni estranee alla prestazione lavorativa, integra una condotta contraria ai più elementari obblighi di correttezza e buona fede e pertanto giustifica il licenziamento.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 14862/17; depositata il 15 giugno)

Ad affermarlo è la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 14862 depositata il 15 giugno 2017. Il caso. La Corte d’appello di Bologna, in parziale riforma della sentenza di reclamo emessa ai sensi del cd. Rito Fornero, dichiarava la...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.