POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 02 giugno 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

infortunio sul lavoro | 10 Maggio 2017

Cade dal ponteggio: inutile l’azione di regresso dell’INAIL nei confronti del committente

Il committente di lavori edili è responsabile della violazione dell’obbligo di adottare le misure di sicurezza a tutela del lavoratore solo quando si sia reso garante della vigilanza relativa all’adozione delle stesse.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 11311/17; depositata il 9 maggio)

Lo ha ribadito la Suprema Corte con sentenza n. 11213/17 depositata il 9 maggio.

La vicenda. La controversia ha origine dal crudele destino del lavoratore che, vittima di un infortunio sul lavoro, perdeva la vita cadendo dal ponteggio «fatiscente» di proprietà della ditta appaltatrice durante l’esecuzione dell’opera presso la proprietà del committente.
Quest’ultimo, condannato in primo grado al pagamento di una somma in favore dell’INAL, appellava la sentenza dinanzi alla Corte territoriale di Cagliari dove la sua impugnazione trovava accoglimento, in virtù dell’accertata mancanza di qualsiasi ingerenza, da parte dello stesso committente di lavori edili, nell’espletamento del lavoro in cui l’operaio aveva perso la vita. L’INAIL, vedendosi rigettata l’azione di regresso nei confronti del committente, ricorre per cassazione.

La tutela dell’integrità fisica del lavoratore. La Cassazione ha qui l’occasione di ribadire il principio costantemente affermato dalla giurisprudenza secondo cui «in materia di appalto, la responsabilità per la violazione dell’obbligo di adottare le misure necessarie a tutelare l’integrità fisica dei prestatori di lavoro si estende al committente ove lo stesso si sia reso garante della vigilanza relativa alla misura da adottare in concreto e si sia riservato i poteri tecnico organizzativi dell’opera da eseguire».
Inoltre, prosegue la Corte, l’art. 2087 c.c. recante «Tutela delle condizioni di lavoro» che impone all’imprenditore di adottare tutte le misure necessarie a tutelare l’integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro si applica anche al committente, il quale è tenuto a provvedere alle misure di sicurezza dei lavoratori, anche se non dipendenti da lui, ove egli, riservandosi i poteri tecnico-organizzativi dell’opera da eseguire, si sia reso garante della vigilanza relative alle misure sopra citate.
Nella fattispecie, però, non risulta alcuna ingerenza, da parte del committente, nell’espletamento del lavoro durante il quale si è registrato l’infortunio, pertanto, non sussistendo alcuna responsabilità di quest’ultimo, la Cassazione rigetta il ricorso dell’INAIL.

(Fonte: www.ilgiuslavorista.it)