Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 26 marzo 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

lavoro subordinato | 20 Marzo 2017

Approda in G.U. l'abrogazione dei voucher

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 marzo scorso, n. 64, il decreto legge 17 marzo 2017, n. 25, che abroga le norme sui voucher. Eliminate, inoltre, le disposizioni sulla responsabilità solidale in materia di appalti di opere e servizi.

Voucher. Approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta di venerdì mattina, il decreto contenete l’eliminazione dei voucher è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale la sera stessa, entrando immediatamente in vigore (d.l. 17 marzo 2017, n. 25, Serie Generale 17 marzo 2017, n. 64).
Vengono, così, abrogati i buoni introdotti dal Jobs Act, ad eccezione di quelli richiesti entro il 17 marzo scorso, che potranno essere utilizzati fino a fine anno (31 dicembre 2017). Questa l’unica concessione fatta dal Governo in via transitoria.

Reazioni. All’entusiasmo della CGIL, sigla sindacale che ha promosso il referendum sull’abolizione dei voucher, si contrappone la reazione della Confederazione Nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa. «La CNA – ha dichiarato il Presidente Nazionale Daniele Vaccarino - è totalmente contraria all’abolizione dei voucher in questo quadro regolamentare che non consente alle imprese, soprattutto piccole, di far fronte ai picchi di attività operando con facilità e assicurando ai lavoratori le garanzie contrattuali e previdenziali. Si tratta di una decisione che alimenta il sommerso e danneggia imprenditori e lavoratori».

Appalti. Il Decreto abrogativo elimina altresì le disposizioni sulla responsabilità solidale in materia di appalti di opere e servizi, ripristinando integralmente la responsabilità solidale del committente con l’appaltatore nonché con ciascuno degli eventuali subappaltatori, al fine di garantire una miglior tutela in favore dei lavoratori impiegati.

(Fonte: www.ilgiuslavorista.it)



Qui il decreto legge 17 marzo 2017, n. 25; in G.U. 17 marzo 2017, n. 64