Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 29 giugno 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

assegni familiari | 17 Marzo 2017

Requisiti e maturazione del premio alla nascita 2017

Integrata la circolare INPS n. 39/2017, relativa al premio di 800 euro per la nascita o l’adozione di un minore di cui alla legge di Bilancio 2017. L’Istituto, infatti, al fine di chiarirne la portata applicativa, ha riformulato, con circolare n. 61/2017, i paragrafi relativi ai requisiti generali e alla maturazione del premio alla nascita o all’adozione.

Requisiti generali. Il premio alla natalità è riconosciuto alle donne gestanti o alle madri che siano in possesso dei seguenti requisiti:
- residenza in Italia;
- cittadinanza italiana o comunitaria (le cittadine non comunitarie in possesso dello status di  rifugiato politico e protezione sussidiaria sono equiparate alle cittadine italiane per effetto dell’art. 27, d.lgs. n. 251/2007);
- per le cittadine non comunitarie, possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all’art. 9, d.lgs. n. 286/1998 oppure di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini UE previste dagli artt. 10 e 17 del d.lgs. n. 30/2007.

Maturazione del premio alla nascita o all’adozione. Il beneficio di 800 euro può essere concesso esclusivamente per uno dei seguenti eventi verificatisi dal 1° gennaio 2017:
- compimento del 7° mese di gravidanza;
- parto, anche se antecedente all’inizio dell’8° mese di gravidanza;
- adozione del minore, nazionale o internazionale, disposta con sentenza divenuta definitiva ex l. n. 184/1983;
- affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, comma 6, l. n. 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34 della l. n. 184/1983.
Il beneficio è concesso in un’unica soluzione, per evento (gravidanza o parto, adozione o affidamento), e in relazione ad ogni figlio nato o adottato/affidato.

(Fonte: www.ilgiuslavorista.it)



Qui la circolare dell’INPS del 16 marzo 2017, n. 61