POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 26 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

contributi previdenziali e assicurativi | 23 Dicembre 2016

Unioni civili e convivenze: prestazioni pensionistiche e previdenziali

Pubblicato il 21 dicembre 2016 il Messaggio INPS n. 5171 sull’applicazione dell’art. 1, l. n. 76/2016 su regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze. Dal 5 giugno 2016, infatti, il componente dell’unione civile è equiparato al coniuge anche ai fini del riconoscimento del diritto alle prestazioni pensionistiche e previdenziali e per l'applicazione della relativa disciplina.

Prestazioni pensionistiche e previdenziali. Pubblicato il 21 dicembre 2016 il Messaggio INPS n. 5171 sull’applicazione dell’art. 1 della l. 20 maggio 2016, n. 76 su regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze.
L’INPS ricorda che, dal 5 giugno 2016, il componente dell’unione civile è equiparato al coniuge anche ai fini del riconoscimento del diritto alle prestazioni pensionistiche e previdenziali e per l‘applicazione della relativa disciplina.
Le istruzioni procedurali sulla gestione delle prestazioni pensionistiche e previdenziali riconosciute ai destinatari in oggetto, verranno comunicate successivamente con un Messaggio dell’Istituto stesso.

(Fonte: www.lavoropiu.info)



Qui il messaggio INPS del 21 dicembre 2016, n. 5171