POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 27 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

maternità | 14 Dicembre 2016

Condizioni e modalità di ottenimento del voucher per babysitting

Se in regola con i contributi, la madre può ottenere un contributo di importo pari a 600€ mensili per ogni mese di rinuncia al congedo parentale, fino ad un massimo di 3 mesi.

La circolare. La circolare INPS n. 216/2016 fornisce le indicazioni operative necessarie a seguito dell’estensione ex d.m. 1 settembre 2016 anche alle madri lavoratrici autonome o imprenditrici del voucher per l’acquisto di servizi di baby-sitting o del contributo per fare fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati accreditati di cui all’art. 4, comma 24, lett. b, l. n. 92/2012. In particolare sono definiti:
ambito di applicazione;
misura e durata del beneficio;
- contributo per l’acquisto di servizio di baby-sitting;
- contributo per la fruizione dei servizi della rete pubblica e privata accreditata - Elenco delle strutture;
presentazione della domanda;
variazione e cancellazione della domanda;
cambiamento della struttura erogante servizi per l’infanzia;
termini e condizioni per la presentazione delle domande;
accoglimento o rigetto della domanda;
- indicazione in domanda di un indirizzo di posta elettronica certificata;
- indicazione in domanda del solo indirizzo di posta elettronica non certificata;
rinuncia al beneficio.

Le condizioni e modalità per ottenere il contributo. Il contributo, pari ad un importo massimo di 600€ mensili per ogni mese di congedo parentale al si quale rinunci, è fruibile a condizione che la lavoratrice sia in regola con il versamento dei contributi e per un periodo massimo di 3 mesi entro l’anno di vita del bambino o entro l’anno dall’ingresso in famiglia del minore adottato o affidato.
Le domande di accesso al beneficio devono essere presentate per via telematica entro il 31 dicembre p.v..
Il servizio d’invio è disponibile al seguente percorso: www.inps.it –> Servizi per il cittadino –> Autenticazione con PIN –> Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito –> Invio delle domande per l’assegnazione dei contributi per l’acquisto dei servizi per l’infanzia.

(Fonte: www.lavoropiu.info)

 



Qui la circolare dell’INPS del 12 dicembre 2016, n. 216