POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 21 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

mobbing | 15 Febbraio 2016

Caos organizzativo, stress per la lavoratrice: niente mobbing

  Respinta definitivamente la richiesta di risarcimento avanzata nei confronti del Ministero della Giustizia. A presentarla la dipendente di una ‘casa circondariale’, lamentatasi per le precarie condizioni lavorative. Evidenti le carenze organizzative e gestionali della struttura, evidenti anche le ripercussioni sulla lavoratrice, ma non si può parlare di mobbing.  

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 2920/16; depositata il 15 febbraio)

    Caos nella organizzazione del lavoro. Effetti deleteri sulla dipendente, sottoposta a situazioni caratterizzate da forte stress, come testimoniato dai problemi nel godimento delle ferie. Tutto ciò, però, non è...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.