Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 03 dicembre 2016
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

mansioni | 10 Febbraio 2016

Agorafobia per la postina: azienda obbligata a ricollocarla in ufficio

  Decisivi i riscontri forniti dal consulente e dall’Azienda sanitaria: la donna è affetta dalla paura degli spazi aperti. Evidente la incompatibilità con l’attività di portalettere. Legittima la richiesta della lavoratrice di essere ricollocata in ufficio, lontano dalla strada.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 2654/16; depositata il 10 febbraio)

    ‘Agorafobia’, ossia, citiamo dal vocabolario ‘Treccani’, “timore ossessivo per l’attraversamento di una piazza o di uno spazio aperto”. Condizione patologica di grosso impatto, soprattutto...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.