POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 02 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LAVORO

rapporti di lavoro | 14 Dicembre 2015

‘Porto d’armi’ smarrito dalla società, la guardia giurata si mette a riposo: licenziato

Nessun dubbio sulla responsabilità dell’azienda per la perdita del documento. Ciò nonostante, il lavoratore avrebbe dovuto rendersi reperibile per l’assegnazione di nuove mansioni. Assolutamente incomprensibile la scelta di prendersi ben quindici giorni di riposo.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 25043/15; depositata l’11 dicembre)

Dipendente messo fuorigioco temporaneamente dall’azienda. Illegittima comunque la sua assenza. Consequenziale il licenziamento. Egli avrebbe dovuto comunque rendersi disponibile per la possibile assegnazione a nuove mansioni, e invece è...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.