POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 19 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

Morte sul lavoro | 17 Ottobre 2014

Molte azioni risarcitorie per gli eredi del pover’uomo, morto di lavoro

di Martina Tonetti - Avvocato

  In caso di perdita definitiva del rapporto matrimoniale e parentale, ciascuno dei familiari superstiti è titolare di un autonomo diritto all’integrale risarcimento comprensivo del danno biologico - lesioni psico-fisiche dovute al lutto - morale - da identificare nella sofferenza interiore soggettiva patita sul piano strettamente emotivo - e del danno «dinamico-relazionale» - consistente nel peggioramento delle abitudini e delle condizioni, interne ed esterne, di vita quotidiana.  

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 21917/14; depositata il 16 ottobre)

  Questo è uno dei principi di diritto enunciati con la sentenza n. 21917/2014, depositata il 16 ottobre 2014, con cui la Suprema Corte ripercorre quali siano le azioni risarcitorie esperibili dagli eredi di un dipendente, morto sul...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.