Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 21 settembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

perdita di chance | 19 Giugno 2014

Malattia professionale e mancata promozione: il lavoratore sia preciso nell’allegazione dei fatti

di Martina Tonetti - Avvocato

La responsabilità ex art. 2087 c.c. è di tipo contrattuale, pertanto il lavoratore che assume di aver subito un infortunio o una malattia riconducibili all’attività lavorativa svolta deve allegare e dimostrare l’esistenza del danno, nonché la violazione da parte del datore di lavoro delle clausole contrattuali che disciplinano il rapporto o delle norme inderogabili o delle regole generali di correttezza e buona fede o, ancora, delle misure che, nell’esercizio dell’impresa, debbono essere adottate per tutelare l’integrità psicofisica dei prestatori.

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 13863/14; depositata il 18 giugno)

  Quando il lavoratore assume di aver subito un danno per perdita di chance deve allegare e dimostrare quale norma generale o pattizia sia stata violata dal datore di lavoro, poiché il Giudice, nel rispetto della libertà di iniziativa...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.