POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 21 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LAVORO

malattia professionale | 13 Giugno 2014

Si inasprisce il regime della malattia professionale: richiesto alto grado di probabilità

di Martina Tonetti - Avvocato

In tema di malattia professionale derivante da lavorazione non tabellata, la prova del nesso causale tra malattia e nocività dell’ambiente lavorativo grava sul lavoratore e deve essere valutata in termini di ragionevole certezza, nel senso che, esclusa la rilevanza della mera possibilità dell’origine professionale, questa può essere, invece, ravvisata in presenza di un elevato grado di probabilità

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 13342/14; depositata il 12 giugno)

  Così ha deciso la Corte di Cassazione con la sentenza n. 13342/14, depositata il 12.06.2014, inasprendo il regime probatorio del nesso di causalità tra malattia professionale e nocività dell’ambiente lavorativo. Quando...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.