POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 25 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

diritto bancario | 31 Dicembre 2020

Conto corrente: è legittimo il recesso della banca se l’attività del correntista non è coerente con le proprie convinzioni etiche

di Giuseppina Satta - Avvocato

Il Tribunale di Pescara, con ordinanza dell’11 dicembre 2020, ha rigettato il ricorso cautelare avanzato da una società, esercente attività di gestione di un centro scommesse, nei confronti della propria banca per avere questa esercitato il recesso dal rapporto di conto corrente in ragione del settore merceologico della cliente. Il Tribunale ha stabilito che l’esercizio del diritto di recesso da parte della banca trova fondamento e legittimità nell’art. 41 della Costituzione e che in assenza di una specifica limitazione legislativa deve ritenersi che ciascuna delle parti possa, per proprie convinzioni etiche, decidere di avvalersi del diritto di recesso riconosciutole nel regolamento contrattuale.

(Tribunale di Pescara, ordinanza n. 3859/20; depositata l’11 dicembre)

Il caso. Una società avviava un procedimento d’urgenza avverso la banca di credito cooperativo per aver questa esercitato il diritto di recesso dal conto corrente. La società, in particolare, rappresentava: a) di gestire un centro...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.