POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 10 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

Decreto Coronavirus | 29 Maggio 2020

Centro estetico chiuso per emergenza sanitaria: il Tribunale ordina di non incassare gli assegni per il canone di locazione

di La Redazione

La titolare di un centro estetico si è ritrovata nell’impossibilità di procedere al pagamento dei canoni di locazione dell’immobile in cui svolge la propria attività, chiusa a causa dell’emergenza sanitaria. Il Tribunale di Bologna ha accolto la sua istanza disponendo di non mettere all’incasso gli assegni bancari emessi a garanzia del pagamento.

(Tribunale di Bologna, decreto n. 4976/20; depositato il 12 maggio)

Così il Tribunale di Bologna con il decreto n. 4976/20, del 12 maggio scorso.

 

Il Tribunale era stato investito della richiesta della titolare di un centro estetico di emanare un decreto inaudita altera parte per bloccare l’incasso di alcuni assegni bancari emessi a garanzia del pagamento dei canoni locatizi dell’immobile in cui svolgeva l’attività per il periodo aprile-luglio 2020. L’istante rappresentava l’impossibilità di procedere al pagamento a causa delle misure restrittive in vigore per il contrasto dell’epidemia da Covid-19 che l’hanno costretta alla chiusura dell’attività dal 24 febbraio 2020 fino a, presumibilmente, il 18 giugno 2020. Veniva inoltre sottolineata la pendenza di concrete trattative con la controparte per la pattuizione di una temporanea riduzione del canone locatizio. La ricorrente deduce inoltre ragioni di urgenza per i potenziali effetti pregiudizievoli che potrebbe subire laddove, dopo che i titoli posti all’incasso non fossero pagati per difetto di provvista, fosse segnalata al CAI.

Il Tribunale accoglie l’istanza e ordina ai sensi dell’art. 669-sexies, comma 2, c.p.c., salva conferma o revoca con successiva ordinanza, di non mettere all’incasso gli assegni.

 

Clicca qui per consultare la sezione dedicata al decreto Coronavirus