POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 16 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

contratti bancari | 05 Novembre 2019

Cliente protetto se il contratto di investimento è nullo per assenza di forma scritta

di La Redazione

Ai sensi dell’art. 23, comma 3, d.lgs. n. 58/1998, la nullità del contratto di investimento può essere fatta valere solo dall’investitore. Di conseguenza, gli effetti processuali e sostanziali dell’accertamento operano soltanto a suo vantaggio. Laddove la domanda sia diretta a colpire soltanto alcuni ordini di acquisto, l’intermediario può però opporre l’eccezione di buona fede, se la nullità determina un ingiustificato sacrificio economico a suo danno.

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 23814/19; depositata il 4 novembre)

È quanto affermato dalle Sezioni Unite Civili con la sentenza n. 28314/19, depositata il 4 novembre.   Il caso. Il Tribunale di Mantova accoglieva la domanda attorea e dichiarava la nullità, per mancanza di forma scritta...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.