POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 09 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

locazione | 17 Luglio 2019

Sfratto per finita locazione: diritto ad indennizzo per occupazione e diritto a risarcimento del danno

di Emanuele Bruno - Avvocato

Chi chiede il risarcimento dei danni derivanti da occupazione abusiva deve provarli. Il proprietario deve dunque provare il danneggiamento dell’immobile per poter chiedere l’indennizzo. Il mero ritardo del conduttore nella riconsegna della cosa locata, legittima soltanto la condanna generica al risarcimento del danno da occupazione oltre il limite di durata indicato in contratto, ogni differente danno, sia esso derivante da danneggiamento dell’immobile o da perdita di opportunità di vendita-locazione, deve essere adeguatamente provato.

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 18946/19; depositata il 16 luglio)

Così la Corte di Cassazione con la sentenza n. 18946/19, depositata il 16 luglio.   Il caso. Il proprietario intimava sfratto in danno del conduttore di immobile destinato ad uso diverso da quello abitativo. Il tribunale accoglieva...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.