POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 19 maggio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

diritto bancario | 21 Gennaio 2019

Il recesso nei contratti bancari: può venire meno per manifestata e concorde volontà scritta dei contraenti

di Paola Di Michele - Avvocato

L’irrevocabilità unilaterale del recesso, dal momento in cui l’emittente lo abbia comunicato alla controparte, non può comportare l’esclusione della facoltà per le parti, nell’esercizio della loro autonomia di far venire meno gli effetti della fattispecie estintiva, ponendo in essere una manifestazione concorde di volontà che, nel caso di contratto in forma scritta ad substantiam, deve risultare da atto scritto.  

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 1454/19; depositata il 18 gennaio)

La vicenda posta al vaglio della Prima Sezione della Suprema Corte di Cassazione chiamata a pronunciarsi con la sentenza n. 1454, depositata il 18 gennaio 2019, concerne l’efficacia del recesso contrattuale esercitato dal correntista nell’ambito...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.