POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 13 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

diritto bancario | 01 Dicembre 2017

Erronea identificazione del mutuatario: banca vs notaio

di Riccardo Bencini - Avvocato, Professore a contratto di Diritto Commerciale nell’Università di Firenze

L’art. 49 legge notarile non predetermina le prove che debbano essere prese in considerazione ai fini del convincimento del notaio circa l'identità della parte contraente, ma impone che il professionista abbia maturato detto convincimento nel rispetto delle regole di diligenza, prudenza e perizia professionale, sulla base di qualsiasi elemento astrattamente idoneo a formare tale convincimento, comprese le indicazioni fornite dall’altra parte contraente. 

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 28823/17; depositata il 30 novembre)

Con la decisione n. 28823/17, depositata il 30 novembre, la Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione definisce una controversia avente ad oggetto l’operato del notaio, chiamato in responsabilità dalla banca per aver errato nell’identificare...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.