Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 22 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

contratto preliminare | 30 Ottobre 2017

Nessuna incompatibilità tra giudizio di accertamento della risoluzione di diritto del preliminare e richiesta di pagamento del doppio della caparra

di Paola Di Michele - Avvocato

Il promissario acquirente di un contratto preliminare di vendita, dopo avere inutilmente formulato, nei confronti del promittente venditore, diffida ad adempiere, ed aver instaurato il conseguente giudizio per l’accertamento dell’avvenuta risoluzione di diritto del contratto, ben può, ove non abbia contestualmente avanzato richiesta di risarcimento ai sensi dell’art. 1453 c.c., instare per il semplice conseguimento del doppio della caparra versata, secondo la previsione dell’art. 1385 c.c. e sul presupposto della risoluzione di diritto verificatasi ex art. 1454 c.c..

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 25623/17; depositata il 27 ottobre)

La Seconda Sezione della Corte di Cassazione con la sentenza n. 25623, depositata in cancelleria il 27 ottobre 2017, è tornata ad occuparsi dei rapporti esistenti tra azione di recesso ed azione di risoluzione da un contratto preliminare di...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.