POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 25 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

compravendita | 25 Luglio 2017

Contratti a formazione progressiva: le modifiche alla proposta, intervenute con l’accettazione

di Giuseppe Davide Giagnotti - Avvocato

Secondo l’ultimo comma dell’art. 1326 c.c., l’accettazione non conforme alla proposta equivale a una nuova proposta: questa norma opera sia nel caso in cui le modifiche intervenute riguardino elementi principali del contratto, che elementi accessori. Nei contratti a formazione progressiva, il momento di perfezionamento del contratto è quello in cui le parti raggiungono l’intesa su tutte le clausole che lo compongono, indipendentemente dal fatto che esse riguardino elementi principali o accessori.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 18010/17; depositata il 21 luglio)

Questi due principi sono stati affermati dalla Suprema Corte di Cassazione, Seconda Sezione Civile, con l’ordinanza n. 18010 depositata il 21 luglio 2017. Il caso. La vicenda nasce da un’opposizione a decreto ingiuntivo, proposta dal...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.