POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 28 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

obbligazioni solidali | 27 Dicembre 2016

Chiarimenti in tema di transazioni

Il creditore che conclude una transazione con uno dei condebitori solidali può teoricamente limitare la propria transazione alla quota gravante sul transigente, liberando solo questi e sciogliendo il vincolo solidale rispetto a lui, ovvero può estenderla all’intera obbligazione ex art. 1305 c.c. e facoltizzando i coobbligati non transigenti a profittarne. È questione di interpretazione del contratto (art. 1362 c.c.) stabilire se i transigenti abbiano compiuto l’una o l’altra scelta.  

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 26113/16; depositata il 19 dicembre)

In questo senso si è espressa la Cassazione con la pronuncia n. 26113/16 depositata il 19 dicembre. Il caso. In conseguenza di un parto distocico, una neonata subiva lesioni all’arto destro. I genitori della bimba transigevano la lite...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.