POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 21 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

locazione | 09 Agosto 2016

Come quantificare il canone di un contratto (anteriore all'1 gennaio 2016) registrato tardivamente?

di Valentina A. Papanice - Avvocato

Il contratto anteriore al 1 gennaio 2016 registrato, seppure tardivamente (ma prima della proposizione della domanda giudiziale), è valido. Viceversa, è nullo se non registrato. Ne consegue che il canone dovuto fino alla data del 16.07.2015 è pari a triplo della rendita catastale (ex art. 13, L. n. 431/1998); per il periodo successivo vale quanto stabilito a contratto.

(Tribunale di Milano, sez. XIII Civile, sentenza depositata il 25 maggio 2016)

Tale, in sintesi, la conclusione cui perviene la recente sentenza del Tribunale di Milano del 25 maggio 2016. La questione di cui si occupa la sentenza attiene alla quantificazione del canone di un contratto di locazione non registrato nei termini. In...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.