POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 13 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

contratto a prestazioni corrispettive | 05 Maggio 2016

Solo se l’inadempimento è grave la parte può rifiutarsi di eseguire la propria obbligazione

di Rosa Villani - Avvocato

Con riguardo al contratto a prestazioni corrispettive, ove sia proposta da una parte l’eccezione inadempienti non est adimplendum, il giudice deve  procedere ad una valutazione comparativa degli opposti inadempimenti, avuto riguardo anche alla loro proporzionalità rispetto alla funzione economico-sociale del contratto ed alla loro rispettiva incidenza sull’equilibrio sinallagmatico.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 8912/16; depositata il 4 maggio)

Se egli rileva che l’inadempimento della parte nei cui confronti è opposta l’eccezione non è grave ovvero riveste scarsa importanza, in relazione all’interesse dell’altra parte a norma dell’art. 1455 c.c.,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.