Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

contratto di vendita | 28 Aprile 2016

Azione di risoluzione del contratto: prescrizione interrotta solo dalla domanda giudiziale

di Gianluca Tarantino - Avvocato e dottore di ricerca in diritto dell'economia

  La facoltà di domandare la risoluzione del contratto di vendita, attribuita dall'art. 1492 c.c. al compratore di una cosa affetta da vizi, ha natura di diritto potestativo, a fronte della quale la posizione del venditore è di mera soggezione; ne consegue che la prescrizione dell'azione - fissata in un anno dall'art. 1495, comma 3, c.c. - può essere utilmente interrotta soltanto dalla proposizione di domanda giudiziale e non anche mediante atti di costituzione in mora, che debbono consistere, per il disposto dell'art. 1219, comma 1, c.c., in una intimazione o richiesta di adempimento di un'obbligazione, previsioni che si attagliano ai diritti di credito e non anche ai diritti potestativi.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 8418/16; depositata il 27 aprile)

  Con la pronuncia del 27 aprile 2016, n. 8418, la Cassazione chiarisce che la prescrizione relativa al diritto (potestativo) di risoluzione del contratto può essere esercitata esclusivamente tramite l’avvio di apposita azione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.