Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 18 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

contratti ad esecuzione continuata o periodica  | 03 Luglio 2013

Unico contratto con prestazioni distinte e frazionabili? Sì alla risoluzione parziale per le prestazioni non eseguite

di Gianluca Tarantino - Avvocato e dottore di ricerca in diritto dell'economia

La risoluzione parziale del contratto, esplicitamente prevista dall’art. 1458 c.c. in riferimento ai contratti ad esecuzione continuata o periodica, deve ritenersi possibile anche nell’ipotesi di contratto ad esecuzione istantanea, quando l’oggetto di esso sia rappresentato non da una sola prestazione, caratterizzata da una sua unicità e non frazionabile, ma da più cose aventi una distinta individualità, il che si verifica allorché ciascuna di esse, separata dal tutto, mantenga una propria autonomia economico-funzionale che la renda definibile come un bene a sé stante e come possibile oggetto di diritti o di autonoma negoziazione. 

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 16556/13; depositata il 2 luglio)

Con la sentenza n. 16556 del 2 luglio 2013, la Corte di Cassazione si pronuncia sul tema della risoluzione parziale del contratto, nell’ipotesi in cui, nell’ambito di un unico contratto, le prestazioni previste siano, comunque, dotate di...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.