POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 21 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

appalti pubblici | 06 Novembre 2012

Corrispettivo per lavori aggiuntivi: l’appaltatore deve iscrivere riserva (a pena di decadenza) appena percepisce un aggravio dei costi

di Stefano Calvetti - Avvocato

  In materia di opere pubbliche, le riserve hanno lo scopo di consentire all'appaltatore di far risultare le proprie pretese per compensi aggiuntivi rispetto al prezzo contrattuale. Tuttavia, a pena di decadenza, le riserve devono essere tempestivamente inserite nella contabilità (fatta salva la possibilità per l’impresa di esplicitarle in seguito, qualora non sia possibile una loro immediata e precisa quantificazione al momento dell’iscrizione).

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 18937/12; depositata il 5 novembre)

La Cassazione, con la recentissima sentenza n. 18937 del 5 novembre 2012, ribadisce un principio di vitale importanza in materia di appalti pubblici. Infatti, con riferimento ai lavori addizionali, extracontratto e privi di preventiva autorizzazione,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.