Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 18 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

compravendita | 21 Settembre 2012

Il trasferimento dell’immobile riguarda anche i beni accessori se non è diversamente pattuito

di Alessandro Gallucci - Avvocato

  Non è raro che il compratore di un’unità immobiliare decida di acquistarla anche per dei particolari che lo convincono a ritenerla complessivamente ciò che stava cercando. Un barbecue in muratura posizionato nel giardinetto sul retro della casa, la cuccia costruita con lo stesso materiale ed ancorata al suolo, il bagno con la vasca idromassaggio, ecc. In questi casi è bene che il venditore sia chiaro fin da subito e specifichi manifestamente (es. nel preliminare) ciò che è compreso nel prezzo di vendita. Se non lo fa è inutile che se ne lamenti dopo la vendita. Quei beni sono da ritenersi ceduti assieme all’immobile in quanto accessori di quest’ultimo.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 15846/12; depositata il 20 settembre)

  Parola di Cassazione (sent. n. 15846/12, depositata in cancelleria lo scorso 20 settembre). I beni accessori seguono le vicende traslative del bene principale. Inutile scartabellare il codice civile alla ricerca della definizione di bene...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.