Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
venerdì 19 dicembre 2014
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
OBBLIGAZIONI e CONTRATTI

responsabilità civile | 18 Maggio 2012

Risarcimento del danno: bisogna provare distintamente il danno emergente ed il lucro cessante

di Gianluca Tarantino - Avvocato e dottore di ricerca in diritto dell'economia

Il risarcimento del danno è l’obbligazione diretta a reintegrare il patrimonio del danneggiato nella situazione in cui si sarebbe trovato se l’inadempimento non si fosse verificato e comprende sia il danno emergente sia il lucro cessante. È agevole provare il danno emergente in quanto, essendo una posta attiva del patrimonio del soggetto, basterà dimostrarne l’attualità e la sua conseguente lesione; quanto al lucro cessante, il creditore si troverà costretto a provare il mancato guadagno che gli sarebbe potuto derivare da quella determinata operazione economica. In altri termini, quanto al lucro cessante, spetta al creditore dare la prova di un bene o di un interesse mai venuti ad esistenza – in ragione dell’inadempimento –, ma che se si fossero concretizzati sarebbero stati sicuramente di sua pertinenza.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 7759/2012; depositata il 17 maggio)

  Lo afferma la Cassazione con la sentenza n. 7759/12, depositata il 17 maggio dalla Seconda sezione Civile. I fatti di causa. La vicenda in esame ha origine da un contratto di compravendita con il quale una società si era impegnata...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.