POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 20 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LOCAZIONI e CONDOMINIO

distanze | 09 Novembre 2020

Le prescrizioni dei piani regolatori e dei regolamenti edilizi non possono essere derogate dai privati

di La Redazione

In materia di distanze legali nelle costruzioni, le prescrizioni contenute nei piani regolatori e nei regolamenti edilizi non sono derogabili dai privati, in virtù dell’interesse generale a un dato modello urbanistico cui sono finalizzate, conseguendone l’invalidità delle convenzioni eventualmente stipulate tra proprietari confinanti in contrasto con le suddette norme, salva la possibilità «di accordarsi sulla ripartizione tra i rispettivi fondi del distacco da osservare».  

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 24827/20; depositata il 6 novembre)

Questo il contenuto dell’ordinanza della Suprema Corte n. 24827/20, depositata il 6 novembre.   Gli attori si rivolgevano al Tribunale di Massa per individuare l’esatto confine tra il loro fondo e quello del convenuto e per...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.