POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 12 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LOCAZIONI e CONDOMINIO

distanze | 11 Febbraio 2020

Quando due edifici possono considerarsi frontistanti ai fini della verifica del rispetto delle distanze legali?

di La Redazione

Sono considerati frontistanti gli edifici che, da bande opposte rispetto alla linea di confine, presentino le rispettive facciate che si fronteggino almeno per un segmento, in modo che, ipotizzando di farle avanzare in modo lineare e non radiale (o a raggio) e, in particolare, in linea ortogonale tra i diversi fronti, si incontrino almeno in quel segmento. Laddove tale fronteggiamento non sussiste, non può considerarsi lesa alcuna norma sulle distanze tra costruzioni.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 3043/20; depositata il 10 febbraio)

Così la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 3043/20, depositata il 10 febbraio.   Il caso. Il Tribunale di Verbania accoglieva la domanda di condanna dei convenuti all’arretramento a distanza legale di un edificio...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.