POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 13 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LOCAZIONI e CONDOMINIO

amministratore di condominio | 05 Novembre 2019

L’incarico dell’amministratore è valido anche in caso di accettazione per fatti concludenti

di Edoardo Valentino - Avvocato

Posto che le norme non prevedono alcuna forma specifica con la quale l’amministratore deve comunicare l’accettazione della nomina o del rinnovo dell’incarico, è del tutto valida la comune pratica di accettazione tacita. Sovente, infatti, l’amministratore si vede rinnovato l’incarico e semplicemente prosegue il proprio lavoro comunicando l’accettazione per facta concludentia.

(Tribunale di Udine, sez. I Civile, sentenza n. 1015/19; depositata il 19 agosto)

Il caso. Un amministratore di condominio otteneva decreto ingiuntivo avverso uno stabile che, amministrato in precedenza, gli aveva poi revocato il mandato. Il condominio opponeva detto decreto ingiuntivo affermando la non debenza dei contributi...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.