POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 20 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LOCAZIONI e CONDOMINIO

amministratore di condominio | 22 Febbraio 2019

Legittima l'opposizione diretta a dimostrare il difetto della qualifica di amministratore del condominio?

di Donato Palombella - Giurista d'impresa

Il soggetto a cui viene erroneamente notificato un precetto diretto all'amministratore pro-tempore di un condominio, può legittimamente opporsi solo per contestare di rivestire la qualifica di amministratore del debitore intimato risultante dal titolo esecutivo? Rispondere al quesito non è semplice come potrebbe apparire a prima vista; il nodo gordiano viene sciolto dalla Cassazione (ordinanza n. 5151/19, depositata il 21 febbraio) dopo un giudizio durato un decennio.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 5151/19; depositata il 21 febbraio)

Il caso in esame. Il Tribunale (nel 2008) condanna un condomìnio al pagamento di € 3.097,50, oltre accessori. Sulla base di tale sentenza, il creditore notifica il precetto ad una società indicata come amministratrice del condomìnio...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.