POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 26 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LOCAZIONI e CONDOMINIO

spese condominiali | 02 Novembre 2017

Contributi condominiali: è limitata al biennio antecedente l’acquisto la responsabilità dell’acquirente

È nulla la deliberazione assembleare che violi il criterio legale di imputazione dei contributi condominiali.

(Tribunale di Parma, sentenza n. 1386/17; depositata l’11 ottobre)

Così il Tribunale di Parma con la sentenza n. 1386/17 dell’11 ottobre.

Il caso. Il proprietario di un immobile acquistato nel giugno del 2011, ricorre avverso la deliberazione assembleare adottata nel luglio dello stesso anno, che lo condanna al pagamento delle spese condominiali eccedenti il biennio precedente all’acquisto.
Il giudice constata nel caso di specie la violazione dell’art. 63, comma 2, disp. att. c.c., poiché la delibera condominiale ha previsto che il nuovo acquirente sia condannato in solido con il venditore al pagamento dei contributi condominiali anche per gli esercizi pregressi e eccendenti il biennio pre acquisto.

Nullità deliberazione impugnata. Il Tribunale conclude ammettendo che, in tema di contributi condominiali, è esclusa l’applicazione della disciplina generale in tema di comunione, secondo cui il cedente è obbligato senza limiti di tempo al versamento di quanto dovuto e non versato dal cedente, in quanto il rimando alla disciplina generale espressamente previsto dall’art. 1139 c.c. trova applicazione solo per le fattispecie non previste dalle norme sul condominio. Pertanto compete al nuovo acquirente solo il pagamento delle spese dovute e non versate nel biennio che precede l’acquisto.
Per questi motivi è dichiarata la nullità della delibera assembleare impugnata.

(Fonte: condominioelocazione.it)