Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 28 aprile 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LOCAZIONI e CONDOMINIO

edilizia | 17 Marzo 2017

Distanze tra costruzioni, non c’è differenza tra edificio principale ed accessorio

di Alessandro Gallucci - Avvocato

In tema di distanze tra costruzioni e distanze tra costruzione e confine, non v’è alcuna differenza tra fabbricati principali e costruzioni accessorie ai primi. In questo contesto, a nulla valgono le eventuali distinzioni tra gli stessi enucleate nelle norme edilizie locali, le quali possono essere prese in considerazione al solo fine della maggiore distanza imponibile in ragione di quanto disposto dall’art. 873 del c.c..

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 6855; depositata il 16 marzo)

È da considerarsi illegittima la costruzione di un edificio a distanza inferiore di quella regolamentare, anche con riferimento ad edificio accessorio a quello principale posto su fondo finitimo. In considerazione della natura reale della violazione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.