POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LOCAZIONI e CONDOMINIO

parti comuni | 12 Gennaio 2016

La proprietà del sottotetto si determina in base al titolo

di Donato Palombella - Giurista d'impresa

  In mancanza di titoli contrari, il sottotetto si presume di proprietà del condominio. Ancora una volta si torna a discutere della proprietà del sottotetto che, anche in questo caso, viene annesso all'appartamento sottostante in occasione dei lavori di ristrutturazione. Irrilevante la circostanza che il condomino aveva avvisato, in più occasioni, l'amministratore dello stabile in merito alla propria volontà di ristrutturare l'appartamento ed il soprastante sottotetto, così come è irrilevante l'animus dell'occupante.  

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 233/16; depositata l’11 gennaio)

  A stabilirlo è stata la seconda sezione della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 233/16, depositata l’11 gennaio scorso. Galeotta fu la ristrutturazione. Tutto prende origine dai lavori di ristrutturazione dell'appartamento...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.