Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 02 luglio 2016
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
LOCAZIONI e CONDOMINIO

proprietà privata | 17 Dicembre 2015

Atto lecito dannoso e rapporti condominiali: sì al risarcimento del danno!

di Davide Achille - Avvocato, Dottore di ricerca e Professore a contratto nell’Università di Siena

In una situazione di coesistenza di due diritti – quello del condominio di eseguire le opere, imposte dalla pubblica amministrazione, di consolidamento delle strutture portanti della proprietà comune, da una parte; e quello del singolo condomino a non vedersi menomato nel godimento del proprio diritto di proprietà esclusiva sulla unità immobiliare posta nello stesso edificio condominiale, dall’altro – l’obbligo di indennizzare il condomino danneggiato dall’esecuzione dell’opera costituisce la soluzione adottata dall’ordinamento giuridico per contemperare e comporre i due interessi in contrasto, nessuno dei quali appare interamente sacrificabile all’altro.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 25292/15; depositata il 16 dicembre)

Così si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza n. 25292, depositata il 16 dicembre 2015. Tutela della proprietà esclusiva e ingerenza del condominio. Con la pronuncia in commento la Suprema Corte si pronuncia su una...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.