POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 19 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
LOCAZIONI e CONDOMINIO

assemblea condominiale | 16 Aprile 2012

I vizi di convocazione e di formazione della volontà assembleare determinano la mera annullabilità della delibera

di Alessandro Villa - Avvocato cassazionista

I vizi che affliggono il procedimento di formazione della volontà assembleare, inclusi quelli inerenti all’omessa convocazione di alcuno dei condomini o della sua rappresentanza in assemblea, non determinano la nullità, ma esclusivamente l’annullabilità della delibera e, pertanto, deve essere impugnata nel termine di decadenza di trenta giorni dalla sua adozione o sua conoscenza.

(Tribunale di Monza, sez. I Civile, sentenza n. 627/12; depositata 12 marzo)

  L’omessa convocazione del comproprietario può essere eccepita unicamente dal comproprietario pretermesso. Qualora il comproprietario pretermesso sia legato da uno stretto vincolo familiare (nel caso di specie madre-figlio non...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.