POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 17 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Sezione archivio del 05.04.2019

    Primo piano

    Penale

    delitti contro la persona

    Tra il reato di maltrattamenti in famiglia e quello di sequestro di persona non vi è rapporto di specialità

    di La Redazione

    Non è configurabile il rapporto di specialità tra il delitto di maltrattamenti in famiglia e quello di sequestro di persona, poiché sono figure di reato dirette a tutelare beni differenti. Inoltre, l’uno è...

    (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 14995/19; depositata il 4 aprile)

    Penale

    reati edilizi

    L’intervento non va qualificato come risanamento conservativo, se…

    di Davide Galasso - Avvocato

    In tema di reati edilizi, e specificamente di differenza fra risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, nella categoria degli "interventi di restauro o di risanamento conservativo", per i quali non occorre il permesso di...

    (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 14735/19; depositata il 4 aprile)

    Penale

    reati edilizi

    Per la ristrutturazione edilizia “leggera” non occorre il permesso di costruzione: quindi, niente più reato

    di Carmelo Minnella - Avvocato penalista

    La modifica dell’art. 10, comma 1, lett. c), d.P.R. n. 380/2001, operata con l’art. 17, comma 1, lett. d) d.l. n. 133/2014, convertito dalla l. n. 164/2014, che ha escluso dagli interventi di ristrutturazione edilizia subordinati a...

    (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 14725/19; depositata il 4 aprile)

    Lavoro

    responsabilità professionale

    Giusto procedimento disciplinare, valgono le regole del giusto processo penale

    di David Satta Mazzone - Avvocato

    La certezza del diritto di difesa del professionista nel procedimento disciplinare è garantita dalle norme penali.  

    (Tribunale di Ragusa, ordinanza 15 febbraio 2019)

    Penale

    sicurezza sul lavoro

    Sicurezza sul lavoro: l’obbligo di vigilanza non equivale ad obbligo di presenza fisica né all’interlocuzione con il preposto

    di Paolo Della Noce - Avvocato

    In caso di infortunio mortale occorso all’interno di cantiere temporaneo non può essere chiamato a rispondere il datore di lavoro solo in ragione della sua assenza fisica dal cantiere stesso o della mancata interlocuzione con il...

    (Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 14915/19; depositata il 4 aprile)

    Penale

    notificazioni

    Decreto penale: da quando decorre il termine per chiedere la sospensione con messa alla prova?

    di Annalisa Gasparre - Dottoranda di ricerca

    In tema di opposizione a decreto penale di condanna, la legge applicabile è quella in vigore al momento della notifica all’interessato; pertanto, il termine per chiedere la sospensione del processo con messa alla prova decorre da...

    (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 14727/19; depositata il 4 aprile)

    Lavoro

    licenziamento

    Come si accerta il motivo ritorsivo di licenziamento

    di Martina Tonetti - Avvocato

    In ipotesi di domanda proposta dal lavoratore che deduca la nullità del licenziamento per il suo carattere ritorsivo, la verifica dei fatti allegati dal lavoratore stesso richiede il previo accertamento della insussistenza della causale...

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 9468/19; depositata il 4 aprile)

    Amministrativo

    giurisdizione

    Sul diniego della patente di guida per mancanza dei requisiti morali decide il giudice ordinario

    di La Redazione

    La controversia avente ad oggetto il diniego al rilascio della patente di guida per insussistenza dei "requisiti morali" previsti dall'art. 120 d.lgs. n. 285/1992 rientra nella giurisdizione del giudice ordinario.  

    (TAR Parma, sez. I, sentenza n. 77/19; depositata il 1° aprile)

    Seguici su Twitter