POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 25 settembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS

Sezione archivio del 11.09.2018

    Primo piano

    Civile

    codice della strada

    Limiti di velocità: cartello batte codice

    In presenza della segnalazione stradale del limite di velocità, il riscontro delle caratteristiche della strada ed il relativo onere della prova non consentono all’automobilista di classificare una strada extraurbana come principale...

    (Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza n. 21939/18; depositata il 10 settembre)

    Penale

    delitti contro il patrimonio

    In caso di furto il luogo di lavoro è qualificabile come privata dimora

    Richiamando un recente arresto giurisprudenziale, la Suprema Corte conferma la qualificazione giuridica come privata dimora del luogo di lavoro al fine della qualificazione della condotta del ricorrente ai sensi dell’art. 624-bis c.p..

    (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 40289/18; depositata il 10 settembre)

    Penale

    restituzione in termini

    Rigettata l’istanza di restituzione in termini se la notifica si è perfezionata per compiuta giacenza

    La mancata conoscenza di un decreto penale ritualmente notificato, in assenza di allegazioni difensive, non è elemento sufficiente per l’accoglimento dell’istanza di restituzione in termini.

    (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 40235/18; depositata il 10 settembre)

    Lavoro

    spese processuali

    Non è sempre ammessa l’esenzione dal pagamento delle spese processuali nei giudizi per prestazioni previdenziali

    La Cassazione, esprimendosi sul ricorso relativo ad una controversia avente ad oggetto la richiesta di rimborso per infortunio sul lavoro, ha avuto modo di ribadire le formalità previste per la produzione della dichiarazione sostitutiva di...

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 21962/18; depositata il 10 settembre)

    Penale

    impugnazioni

    Procedimenti davanti al Giudice di Pace e termini per impugnare

    Una sentenza del giudice di pace, essendo previsto un termine di 15 giorni per il deposito della motivazione qualora non la si detti a verbale che costituisce una deroga all’art. 544 c.p.p., è impugnabile solo entro 30 giorni dalla...

    (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 40291/18; depositata il 10 settembre)

    Penale

    delitti contro la fede pubblica

    Non è reato la falsificazione di un assegno bancario non trasferibile

    di Alfredo De Francesco - Avvocato

    Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno risolto – si crede – definitivamente il contrasto giurisprudenziale sorto a seguito della depenalizzazione operata dal d.lgs. n. 7/2016 in merito alla non punibilità del falso...

    (Corte di Cassazione, sez. Unite Penali, sentenza n. 40256/18; depositata il 10 settembre)

    Lavoro

    licenziamento

    Offese all’amministratore delegato nella chat sindacale: niente licenziamento

    Toni forti nei messaggi scambiati tra i componenti della chat. Per i Giudici, però, ci si trova di fronte a una nuova frontiera della corrispondenza, che è inviolabile. Viene meno così il presupposto della diffamazione,...

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 21965/18; depositata il 10 settembre)

    Lavoro

    lavoro subordinato

    L’INAIL ha diritto a surrogarsi anche limitatamente alle somme pagate a titolo di indennità giornaliera e spese sanitarie

    di Ilaria Leverone

    In tema di infortunio sul lavoro, sussiste il diritto dell’INAIL di surrogazione nei confronti del responsabile dell’infortunio anche nel caso in cui l’Istituto si sia limitato a corrispondere al lavoratore solo...

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 21961/18; depositata il 10 settembre)

    Rassegne

    24/09/2018

    RASSEGNA DEL CONSIGLIO DI STATO

    Marilisa Bombi

    21/09/2018

    RASSEGNA DELLE SEZIONI PENALI DELLA CASSAZIONE

    Giuseppe Luigi Fanuli - Presidente del Tribunale di Pesaro

    Seguici su Twitter