POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 19 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Sezione archivio del 20.09.2017

    Primo piano

    Penale

    impugnazioni

    La sentenza d’Appello che modifica in peius la sentenza di primo grado necessita di una motivazione “rafforzata”

    di Alfredo De Francesco - Avvocato

    Il giudice d’Appello deve anche confrontarsi in modo specifico e completo con le argomentazioni contenute nella prima sentenza.

    (Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 42793/17; depositata il 19 settembre)

    Penale

    minaccia

    «Non farti più vedere, altrimenti finisce male...»: parole che valgono una condanna

      Sanzionati i proprietari di un bar, protagonisti di un’aggressione verbale nei confronti di una ex dipendente. Respinta la tesi difensiva, finalizzata a sminuire l’episodio. Per i giudici anche il contesto rende gravi le...

    (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 42752/17; depositata il 19 settembre)

    Penale

    circostanze aggravanti

    Reato di maltrattamenti: le lesioni personali sono sempre circostante aggravanti?

    La Cassazione è chiamata a decidere l’applicazione dell’aggravante del nesso teleologico quanto al delitto di lesioni personali, laddove il fatto di lesioni giudicate guaribili in 7 giorni doveva considerarsi elemento...

    (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 42574/17; depositata il 19 settembre)

    Lavoro

    licenziamento

    No al licenziamento del dipendente che in malattia lavora nell’azienda di famiglia

    di Federico Gavioli - Dottore commercialista, revisore legale dei conti e giornalista pubblicista

    E’ illegittimo il licenziamento intimato ad un lavoratore con mansioni di conducente di autotreni per aver lavorato, durante un periodo di assenza per infortunio sul lavoro, presso l’esercizio commerciale del figlio.

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 21667/17; depositata il 19 settembre)

    Penale

    furto

    Si approfitta dell’ospitalità dell’anziana signora, non scampa all’imputazione per furto in abitazione e le sue aggravanti

    La Cassazione afferma che, in merito al reato di furto in abitazione, questo è integrato dalla condotta di colui che si impossessa dei beni mobili, attraverso l’introduzione nell’abitazione del soggetto passivo dopo aver...

    (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 42757/17; depositata il 19 settembre)

    Penale

    riduzione in schiavitù

    La Cassazione ribadisce i requisiti per ritenere integrata la riduzione in schiavitù aggravata dalla transazionalità

    di Donato La Muscatella - Avvocato

    La Suprema Corte ritorna su tematiche di diritto sostanziale più volte giunte al vaglio di ultima istanza e che, nella prassi, spesso risultano strettamente correlati.  

    (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 42751/17; depositata il 19 settembre)

    Lavoro

    pensioni

    La 13ma rientra nella retribuzione pensionabile anche in caso di opzione per rimanere in servizio

    Gli Ermellini vengono chiamati a pronunciarsi in merito alla determinazione della retribuzione pensionabile per il lavoratore che abbia esercitato l’opzione e goduto del bonus relativo al posticipo del pensionamento di cui alla l. n....

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ordinanza n. 21668/17; depositata il 19 settembre)

    Amministrativo

    pubblicità ingannevole

    Non si può combattere la calvizie con gli integratori alimentari: condannata la produttrice del Bioscalin per pubblicità ingannevole

    di Marilisa Bombi

    Ciò in quanto negli spot televisivi e nei messaggi diffusi tramite stampa e internet, il prodotto veniva presentato come avente il potere di arrestare la calvizie mentre era efficace soltanto nella cura del Defluvium telogenico, ovvero la...

    (Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza n. 4378/17; depositata il 19 settembre)

    Seguici su Twitter