POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 19 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Sezione archivio del 05.01.2017

Civile

notificazioni

Rito societario, 10 giorni per la costituzione dell’attore a partire da…

La Corte di Cassazione ha chiarito alcuni aspetti riguardanti la notifica nel rito societario, in particolare del termine di 10 giorni per la costituzione dell’attore.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 89/17, depositata il 4 gennaio)

Professione

mediazione

Pur in assenza di speranze di accordo, la parte invitata in mediazione non può limitarsi a mandare una lettera

di Fabio Valerini - Assegnista di ricerca in diritto processuale civile

Con ordinanza del 12 dicembre 2016 il Tribunale di Vasto interviene su uno degli snodi più delicati del procedimento di mediazione rappresentato dalla scelta della parte convenuta di non presentarsi in mediazione inviando, normalmente, una...

(Tribunale di Vasto, ordinanza 12 dicembre 2016)

Lavoro

licenziamento collettivo

La comunicazione ai lavoratori e alle OO.SS. deve essere contestuale… ma con ragionevolezza

di Roberto Dulio - Avvocato giuslavorista, Senior partner dello Studio legale Associato B.B.D.

In tema di licenziamenti collettivi, il requisito della contestualità della comunicazione del recesso al lavoratore e alle organizzazioni sindacali e ai competenti uffici del lavoro, richiesto a pena d'inefficacia del licenziamento...

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 67/17; depositata il 4 gennaio)

Fisco

impugnazioni

L’avviso bonario di minor credito è atto impugnabile dinanzi alla commissione tributaria

di Isabella Buscema - Esperto tributario

L'elencazione degli atti impugnabili contenuta nell’art. 19 d.lgs. n. 546/92 ha natura tassativa, ma, in ragione dei principi costituzionali di tutela del contribuente (artt. 24 e 53 Cost.) e di buon andamento della PA (art. 97 Cost.),...

(Corte di Cassazione, sez. V, sentenza n. 27494/16; depositata il 30 dicembre)

Civile

appalto

Clausola arbitrale per relationem sì, ma il rinvio deve essere univoco e non possibilistico

di Fabio Valerini - Assegnista di ricerca in diritto processuale civile

La Corte di Cassazione chiarisce le condizioni in presenza delle quali la volontà delle parti di compromettere in arbitri la decisione delle controversie che dovessero sorgere da un contratto possa essere anche espressa per relationem.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 81/17; depositata il 4 gennaio)

Penale

estradizione

Quali sono i poteri dell’autorità giudiziaria italiana?

di Alfredo Foti - Avvocato penalista

L’autorità giudiziaria italiana non può limitarsi ad un controllo meramente formale della documentazione allegata, ma deve accertare che in essa risultino evocate le ragioni per le quali è stato ritenuto probabile,...

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 386/17; depositata il 4 gennaio)

Lavoro

licenziamento

Esce di casa nel periodo di malattia: merita il licenziamento anche se la patologia è dimostrata?

di Giuseppe Marino - Avvocato e Dottore di ricerca in Giustizia costituzionale

La permanenza presso il proprio domicilio durante le fasce orarie previste per le visite mediche domiciliari di controllo costituisce, non già un onere, bensì un obbligo per il lavoratore ammalato, in quanto l’assenza,...

(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 64/17; depositata il 4 gennaio)

Amministrativo

concessione edilizia

Modifica destinazione d’uso inutile e versamento oneri non dovuto: il Comune intasca comunque la somma

di Marilisa Bombi

Ciò in quanto l’eventuale restituzione avrebbe dovuto essere richiesta dal titolare della concessione edilizia e non da chi, terzo, ha versato l’importo.

(Consiglio di Stato, sez. IV, sentenza n. 5523/16; depositata il 29 dicembre)

Seguici su Twitter