POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 28 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

Sezione archivio del 07.09.2016

    Primo piano

    Penale

    legittima difesa

    Può configurarsi come difesa legittima anche l’uso di un’arma in una colluttazione con persona fisicamente sovrastante

    di Alessandro Ferretti - Professore di Diritto dei Beni Culturali

    E’ regola di esperienza che colui che sia reiteratamente aggredito reagisca come possa, secondo la concitazione del momento, e non sia tenuto a calibrare l’intensità della reazione, finalizzata ad indurre la cessazione della...

    (Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 36987/16; depositata il 6 settembre)

    Penale

    abolitio criminis

    Atti osceni in luogo pubblico: depenalizzato

    Per effetto dell’art. 2, comma 1, lett. a), del d.lgs. n. 8/2015, che ha depenalizzato il reato di atti osceni in luogo pubblico, masturbarsi in pubblico non è più reato.

    (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 36867/16; depositata il 6 settembre)

    Lavoro

    previdenza

    Riscossione di canoni di locazione: il socio accomandatario deve iscriversi alla gestione commercianti?

    di Giuseppe Marino - Avvocato e Dottore di ricerca in Giustizia costituzionale

    L’attività di riscossione di canoni di locazione, non finalizzata alla prestazione di servizi in favore di terzi, né ad atti di compravendita o di costruzione, non esorbita dalla semplice gestione degli immobili concessi in...

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 17643/16; depositata il 6 settembre)

    Fisco

    autonoma organizzazione

    IRAP dovuta se c’è familiare

    di Davide Di Giacomo

    È dovuta l’IRAP se il professionista si avvale di un collaboratore familiare con mansioni e retribuzione di rilevante importo.

    (Corte di Cassazione, sez. VI Civile – T, ordinanza n. 17429/16; depositata il 30 agosto)

    Penale

    reati demaniali

    Sequestro preventivo: il giudice non può entrare nel merito della vicenda

    di Davide Galasso - Avvocato

    In tema di sequestro preventivo per reati previsti dal codice della navigazione, con riguardo al riesame dei provvedimenti che dispongono misure cautelari reali, il giudice, benché gli sia precluso l'accertamento del merito...

    (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 36884/16; depositata il 6 settembre)

    Penale

    sostanze stupefacenti

    L’infondatezza del ricorso per cassazione non è ostativa alla rideterminazione della pena

    di Serena Gentile - Avvocato penalista

    A seguito della modifiche normative intervenute con la sentenza n. 32 del 2014 della Corte Costituzionale e della legge n.79 del 16.05.2014 di conversione del decreto legge n. 36 del 2014, neppure l’infondatezza del ricorso per cassazione...

    (Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n.36860/16; depositata il 6 settembre)

    Lavoro

    previdenza

    L’INPS deve sempre contestare l’insussistenza del requisito reddituale

    di Ilaria Leverone

    Nei giudizi volti al riconoscimento del diritto a pensione o ad assegno di invalidità civile, il requisito reddituale, al pari dei requisiti sanitari e di quello socio-economico, cosiddetto dell’incollocazione al lavoro, costituisce...

    (Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 17642/16; depositata il 6 settembre)

    Amministrativo

    maltrattamenti in famiglia

    I requisiti morali dell'addetto alla sicurezza nei locali pubblici

    di Marilisa Bombi

    Chi non è in grado di dimostrare la buona condotta, perché è stato condannato per maltrattamenti in famiglia, non può fare il buttafuori in discoteca.

    (Consiglio di Stato, sez. VI, sentenza n. 3820/16; depositata il 6 settembre)

    Rassegne

    26/02/2021

    RASSEGNA DELLE SEZIONI PENALI DELLA CASSAZIONE

    Giuseppe Luigi Fanuli - Presidente del Tribunale di Pesaro

    25/02/2021

    RASSEGNA DELLA SEZIONE LAVORO DELLA CASSAZIONE

    Francesca Evangelista

    Seguici su Twitter