POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 11 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

30 giugno 2014: tra timore e fiducia il sogno del Processo Civile Telematico si realizza

29 Maggio 2014

Cliens Redigo: il Punto d’accesso Giuffrè è a portata di mano – a cura di Giuffré Informatica

Punto d’accesso Giuffrè a portata di mano con Cliens Redigo. Cliens Redigo mette a disposizione dell’utente, in maniera semplice e comoda, tutti i servizi telematici che fanno ormai parte del lavoro quotidiano dell’avvocato. Con Cliens Redigo, infatti, il Punto d’Accesso Giuffrè è facilmente raggiungibile indifferentemente dallo scenario o dalla barra dei menu del software, secondo le proprie preferenze personali. L’accesso dallo scenario avviene dalla relativa voce nell’area “Processo telematico”. Nella barra dei menu tale funzione è raggiungibile dalla tendina “Pct”. Alla selezione del comando si apre una nuova finestra nella quale, fra l’altro, vengono fornite molte informazioni, notizie e indicazioni di eventi sul processo telematico. Nella parte superiore della schermata, sulla destra, sono disponibili i collegamenti per effettuare l’accesso alla PEC e al Punto d’Accesso Giuffrè. Selezionando quest’ultima voce sarà possibile utilizzare tutti i servizi messi a disposizione del Punto d’Accesso.
L’accesso avviene in modalità sicura e protetta. Fra le diverse opzioni a disposizione è stato preferito l’utilizzo del certificato di autenticazione presente in tutti i dispositivi di firma digitale, indipendentemente dal supporto utilizzato dal singolo utente, smart-card o chiavetta USB. Il sistema chiederà di selezionare il certificato da utilizzare, qualora sul sistema in uso ne sia stato memorizzato più di uno, e di inserire il relativo PIN: a questo punto potranno essere utilizzate le funzionalità messe a disposizione a seconda della versione prescelta dall’utente, quella con i soli servizi di base oppure quella completa.


< pagina precedente pagina successiva >