POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 07 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

30 giugno 2014: tra timore e fiducia il sogno del Processo Civile Telematico si realizza

08 Maggio 2014

Cliens Redigo: formato .eml salvato con un doppio clic – a cura di Giuffrè Informatica

Formati “.eml” e “.msg”, ora è possibile. Una delle novità più rilevanti delle nuove specifiche tecniche del processo telematico (Provvedimento DGSIA 16 aprile 2014) consiste nella possibilità di depositare documenti informatici allegati ad un atto processuale utilizzando i formati “.eml” e “.msg”: sono le estensioni che vengono comunemente utilizzate per salvare singoli messaggi di posta elettronica.
Si tratta di un’innovazione fondamentale per un processo telematico a 360° perché d’ora in avanti potranno essere depositate telematicamente le ricevute ottenute in seguito all’invio di notifiche eseguite direttamente dall’avvocato via posta elettronica certificata. Oppure potrà essere prodotta in giudizio, direttamente tramite il sistema telematico, la ricevuta di avvenuta consegna relativa ad un deposito telematico, vale a dire il messaggio PEC che costituisce, ai sensi dell’art. 13, comma 3, d.m. n. 44/2011 e dell’art. 16-bis, comma 7, d.l. n. 179/2012, la prova piena e definitiva – in quanto sottoscritta elettronicamente dai gestori di PEC – del momento in cui deve considerarsi perfezionato il deposito telematico.
Con un paio di clic … La procedura di salvataggio, utilizzabile per qualsiasi messaggio presente nella casella PEC configurata in Cliens Redigo, è questione di un paio di clic. Dopo aver aperto il client PEC direttamente dallo scenario, selezionando la voce “Casella PEC” nell’area “Processo telematico”, si apre una finestra dedicata che presenta la lista dei messaggi inviati. Da tale lista, con un semplice doppio clic del mouse, si apre il messaggio selezionato in una nuova finestra. In alto a destra è presente un’icona a forma di ingranaggio dove sono elencati i comandi disponibili: selezionando la voce “Salva messaggio su disco”, il software propone una finestra di dialogo ove è possibile indicare la cartella del proprio computer in cui salvare il messaggio, proponendo come nome del file l’oggetto della mail stessa. Il nome può essere comunque modificato liberamente dall’utente.
Se invece dalla lista dei messaggi inviati l’utente si limita a selezionare con un solo clic uno dei messaggi presenti, nell’area sottostante “Lista messaggi” sono visualizzati sia lo stesso messaggio inviato sia le relative ricevute. Anche in questo caso con un semplice doppio clic può essere aperto ciascun messaggio e, mediante la procedura descritta, è possibile salvarlo in formato eml, come previsto dalle nuove specifiche tecniche.
Con le stesse modalità è possibile procedere anche per quanto riguarda la posta ricevuta. In questo caso il comando per il salvataggio è raggiungibile ancora più rapidamente, dal momento che, selezionando il singolo messaggio nella lista, viene visualizzata nella parte inferiore della schermata l’anteprima con il medesimo pulsante a forma di ingranaggio.


< pagina precedente pagina successiva >