>- Cassn.7879/12 ;conf., ex plurimis, anche Cass.n.8329/2013-. Orbene l'indirizzo ormai consolidatosi di questa Corte non lascia margini di dubbio sul fatto che la nozione di anno solare contenuta nel dPR n.277/2000 vada riferita a quella agganciata al periodo compreso fra l'l gennaio e il 31 dicembre di ogni anno. Sulla base di tali considerazioni, vieppiù confermate da quanto previsto dall'art.155 comma 2 c.p.c., appare errata la decisione impugnata che ha, per converso, affermato di condividere l'assunto difensivo della società contribuente, a cui tenore il riferimento all'anno solare doveva essere operato alla stregua della nozione astronomica e dunque come lasso di tempo di 365 giorni da individuare in relazione all'equinozio di primavera, alla quale si è talvolta fatto riferimento da parte della giurisprudenza di questa Corte­ Cass.n.5956/1995 e Cass.n.13296/2002- ma in ambiti tutt'affatto diversi da quello tributario. In tale settore, infatti, la nozione di anno solare è utilizzata dal legislatore per riferirsi al calendario comune e, dunque, al periodo di tempo che decorre dall'1 gennaio al31 dicembre-(v. dPR n.917/86, art.7 c.l, 76 c.2;dPR. n.633/72 art.73 c.3-. Sulla base di tali considerazioni, in accoglimento del terzo motivo di ricorso, disattesi il primo ed il secondo, la sentenza impugnata va cassata con rinvio ad altra sezione della CTR perché faccia corretta applicazione del principio sopra espresso, provvedendo altresì sulle spese del giudizio. P.Q.M. La Corte, visti gli artt.375 e 380 bis c.p.c.. Accoglie il terzo motivo di ricorso, disattesi i primi due. Cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per il regime delle spese processuali del giudizio ad altra sezione della CTR della Campania sez. Salerno." />
POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 04 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

08 Maggio 2015

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – T, ordinanza n. 9014/15; depositata il 6 maggio)

  Corte di Cassazione, sez. VI Civile – T, ordinanza 18 febbraio – 6 maggio 2015, n. 9014 Presidente Bognanni – Relatore Conti In fatto e in diritto L'Agenzia delle dogane di Salerno emetteva nei confronti della...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.